• Home »
  • News »
  • Il futuro del gaming di Google si chiama Stadia: i videogiochi accessibili ovunque da chiunque

Il futuro del gaming di Google si chiama Stadia: i videogiochi accessibili ovunque da chiunque

Google Stadia: è questo il nome ufficiale del servizio di gaming in streaming presentato oggi da Google sul palco del GDC (Game Developer Conference). Ma forse definirlo solo servizio di gaming in streaming è riduttivo.

Big G. lo ha realizzato per essere un ecosistema per tutti, per chi vuole vedere i videogiochi, per chi vuole giocare ai videogiochi e persino per chi li vuole sviluppare. Una vera e propria rivoluzione insomma, almeno sulla carta.

LEGGI ANCHE: Pubblicato il programma generale del Google I/O 2019

Project Stream era quindi solo la punta dell’iceberg, una punta che comunque permetteva streaming di giochi tripla A quali l’ultimo Assassin’s Creed a 1080p e 60 fps. E proprio il CEO di Ubisoft era presente alla presentazione di Stadia vista la preziosa collaborazione del publisher francese nel nuovo progetto di casa Google.

L’obiettivo di Google è quello di rendere il gaming accessibile a tutti, di utilizzare Chrome, una piattaforma capace non solo di permettere la navigazione ma anche l’utilizzo di web-app, per consentire l’accesso a quanti più giocatori possibili.

Uno dei punti di forza del servizio è l’Instant Access. Immaginate di guardare un video gameplay su YouTube e di veder comparire il pulsante Play. Premendo sul pulsante nell’arco di 5 secondi sarete proiettati all’interno del videogioco. Straordinario, no? E Stadia non è una console, non è una piattaforma hardware, è un qualcosa di accessibile appunto da qualsiasi dispositivo.

C’è comunque una periferica hardware: un controller dedicato proprio a Stadia che, tra le sue particolarità, ha un pulsante dedicato per effettuare lo streaming su YouTube di quello che si sta giocando. C’è anche un pulsante per accedere ad un assistente vocale (c’è un microfono sul controller) che fornisce informazioni extra sul videogioco che si sta affrontando.

Tutto ciò è reso possibile dai data center di Google sparsi in tutto il mondo. A detta dei responsabili sul palco, sono letteralmente anni che la società sta sperimentando il servizio. E reggetevi forte: al lancio Google Stadia supporterà giochi in streaming fino a 4K e 60 fps, e in futuro arriverà il supporto per giochi 8K fino a 120 fps!

E la potenza grafica delle macchine su cui saranno installati i giochi a cui accederemo in streaming? Si tratta di hardware, denominato dalla stessa Google “Stadia GPU” dotato di maggiore potenza grafica di quella disposizione di una Xbox One X o di una PS4 Pro: 10,7 TFLOPS, contro i 6 di Xbox One X e i 4,2 di PS4 Pro.

Durante la presentazione sul palco è salito anche un responsabile di id Software. DOOM Eternal sarà tra i titoli di lancio di Stadia, e girerà a 60 fps in 4K. Il gioco sarà mostrato in azione ai presenti alla conferenza. Il gioco girerà su una singola Stadia GPU. Le performance dell’hardware firmato Google sembrano fenomenali, tanto da permettere la simulazione della modifica in tempo reale dei flussi di fluidi (immaginate due combattenti che si sfidano sotto una cascata spostando le acque) e tanto altro senza subire rallentamenti. Si parla addirittura di Battle Royale con migliaia di giocatori.

 

IN CONTINUO AGGIORNAMENTO

Source: MobileWorld – Il futuro del gaming di Google si chiama Stadia: i videogiochi accessibili ovunque da chiunque

Share Button